Ceste portagiochi – 3 sprouts
1 giugno 2016
Il bambino dai 6 ai 9 mesi
7 giugno 2016

SOS SVEZZAMENTOIl passaggio da una alimentazione esclusivamente lattea ad una mista, per il bambino, si chiama svezzamento. Inizia, indicativamente, dai 5 mesi e mezzo/6 e consente di soddisfare le nuove esigenze nutrizionali del lattante.

Le conseguenze per la mamma sono:

  • primi capelli bianchi (non importa quanto giovane sia);
  • spentolamento intensivo (chiamato anche “sindrome di Masterchef”);
  • uso improprio della bilancia da cucina (spesso la mamma le parla come fosse una persona: “Ma 30gr. di pasta è tutta questa qui?. Lo sai che non la mangerà mai tutta, vero?!?. Poi la devo buttare..colpa tua!”).

Patemi a parte, il pasto di un bimbo (almeno fino ai 3 anni) deve essere composto da un primo piatto, un secondo, verdure di stagione, olio extravergine d’oliva, pane, frutta fresca ed acqua. I dolci sono un qualcosa in più, da dispensare con oculatezza e buon senso: ancora meglio se sono fatti in casa (come i ciambelloni!).

Di seguito le indicazioni fornite dal Servizio Sanitario Regionale dell’Emilia-Romagna grazie al progetto “Per uno svezzamento secondo natura”: la finalità è quella di diffondere un sano stile alimentare, nei bambini, fin dalle loro prime esperienze con il cibo solido.

Come comporre un pasto:

1. Primo piattoCEREALI (es. pasta): meglio semi-integrali dai 6 mesi ai 2 anni di età e successivamente integrali. Preferire pasta semplice, piuttosto che all’uovo o ripiena, con condimenti semplici come il sugo di pomodoro o verdure ed evitando quelli ricchi di grassi saturi come burro, pancetta, panna, etc. Questi ultimi, se proprio dovete, potete sacrificarvi e mangiarli voi. Pasta asciutta e minestra in brodo si dovrebbero alternare fra pranzo e cena.

2. Secondo piattoPESCE o CARNE MAGRA o LEGUMI o UOVA o FORMAGGI con la seguente frequenza settimanale:SECONDO PIATTO_SITO

3. Verdure di stagione

4. Olio extravergine d’oliva = 1 cucchiaio grande ad ogni pasto

5. Pane

6. Frutta fresca di stagione

7. Acqua (come bevanda)

Il sale iodato…meglio usarne poco…anche per la salute di noi grandi!.

Un’alternativa è quella di sostituire il primo ed il secondo piatto con un PIATTO UNICO ad esempio:PIATTO UNICO

Di seguito riporto la tabella con le porzioni in gr. (peso a crudo) dei principali alimenti in rapporto all’età del bambino.Immagine

Infine, ecco un esempio di menù settimanale di un bimbo di 6 mesi (una volta che si sarà abituato a mangiare un po’ di tutto): può essere un utile spunto per dar libero sfogo alla propria fantasia in cucina, preferendo preparazioni semplici, poco elaborate.MENU_OK

Ricordiamoci però una cosa importante: noi genitori possiamo essere ligi al massimo e cucinare manicaretti perfetti a livello nutrizionale per il nostro bimbo ma è quello che mettiamo nel nostro piatto, alla fine, ad essere il modello di riferimento più efficace per lui.

Mangiare insieme alimenti salutari, e mostrargli che lo si fa con piacere, è un’esperienza fondamentale anche dal punto di vista emozionale ed affettivo: regaliamo ai nostri figli le fondamenta di una vita sana. E magari, grazie al loro svezzamento, cogliamo l’occasione per migliorare anche la nostra alimentazione.

Il mio tiramisù però non si tocca. Vi avverto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore . Cookie policy