Il riciclo ironico delle uova di Pasqua

Buona Pasqua!!!
15 aprile 2017
La bellezza delle mamme
24 aprile 2017

Dopo Pasqua la classica domanda che in molti si fanno è: ora che me ne faccio di tutta questa cioccolata?

Consiglio di procedere per fasi:

Fase 1. Chiedetevi con sincerità se non riuscite davvero a mangiarla tutta. Con sincerità ho detto.

Fase 2. Buon appetito.

Con quel poco che vi rimane, anziché i soliti muffin, ciambelloni e mousse al cucchiaio ho pensato a delle alternative altrettanto valide ma più divertenti.

Dopo aver sciolto il cioccolato a bagnomaria potete farci un sacco di cose:

  1. Versarlo nella vasca da bagno e metterci vostro figlio, con o senza calosce, per imitare Peppa Pig quando salta nelle pozzanghere (lo consiglio solo se state per trasferirvi e il bagno verrà poi demolito);
  2. Metterlo in una ciotolina e usarlo come colore a tempera con cui dipingere murales su cavalcavia o casolari abbandonati, meglio se con le mani…ma anche con i piedi, i gomiti, la fronte, etc.;
  3. Usarlo per giocare alla spa ed intingere, quando il cioccolato è ancora bello caldo, dei sassi perfettamente lisci che poi dovranno essere posizionati sulla schiena del papà (meglio se la schiena è villosa, così il trattamento agisce più in profondità);
  4. Applicarlo sui capelli di Barbie, con l’aiuto della stagnola, per farle degli shatush che la possano far sentire più donna e meno bambola. Ovviamente solo dopo aver scoperto che Ken l’ha tradita con una Bratz;
  5. Creare un sentiero di cioccolata, in giardino, ed inaugurare la prima edizione di Eurochocolate per formiche. Dopo averlo assaggiato, le vedrete gettarsi spontaneamente nell’”oro nero” che Woodstock, a confronto, sembrerà il meeting di Comunione e Liberazione.

Oppure potete usarlo così, a pezzi:

  1. Riducetelo a dimensioni di circa 1cmx2 e cominciate ad attaccarlo su un foglio, con l’aiuto della panna montata o del mascarpone, come fossero le tessere di un mosaico (meglio se al latte, fondente e bianco) e divertitevi a creare la vostra Basilica di San Vitale (vedi Ravenna);
  2. Prendete un ago appuntito ed un filo di cotone resistente, poi infilate i pezzi di cioccolato, ad uno ad uno, come fossero delle perline. La collana va conservata in frigo ed indossata quando si dovrà affrontare un lungo viaggio in macchina o si ha l’intenzione di andare al cinema senza farsi spennare per l’acquisto di uno snack nel loro bar;
  3. Fate degli spiedini, intervallati con frutta, da presentare ai vostri ospiti a fine pasto in occasione dei prossimi barbecue all’aperto. Potete farli anche se siete da soli. Anche senza barbecue. Anche senza frutta;
  4. Usatelo come dolcificante “naturale”, per il caffè, che stevia levati.
  5. Inviateli con raccomandata a Banderas per pagare il riscatto della gallina Rosita e liberarla definitivamente dalla prigionia al Mulino (è costretta a far uova continuamente per i suoi esperimenti culinari…ve ne rendete conto?!? Dove sono gli organismi internazionali quando servono, eh?!??);
  6. Tagliatelo a forma di alberello e mettetelo al posto del vostro vecchio Arbre Magique.

Questi sono solo alcuni degli usi alternativi del cioccolato delle uova di Pasqua che vi consiglio.

Sempre che, a differenza mia, ne abbiate ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Error: Access Token is not valid or has expired. Feed will not update.
This error message is only visible to WordPress admins

There's an issue with the Instagram Access Token that you are using. Please obtain a new Access Token on the plugin's Settings page.
If you continue to have an issue with your Access Token then please see this FAQ for more information.