Il ciuccio che fa respirare la pelle: Philips Avent ultra air

Tuo figlio mangia abbastanza frutta e verdura?
23 agosto 2018
Lo shopping a misura di bambino – Castel Guelfo The Style Outlets
20 settembre 2018

Vi siete mai chiesti perché i bambini amano così tanto il ciuccio?

Questa è una domanda che mi sono posta tutte le volte che la mia piccola mi chiedeva il succhietto con la stessa urgenza di un viandante che brama un bicchier d’acqua dopo aver attraversato il deserto.

La verità è che il ciuccio rassicura, rilassa, coccola, consola. Mica ho detto poco.

Un po’ l’effetto che fa la cioccolata con me, ma senza ingrassare. Sempre di endorfine parliamo.

E questo perché, per il neonato, la suzione è un riflesso naturale. Un impulso che si manifesta già nel pancione della mamma, come si vede spesso dalle ecografie.

In commercio ce ne sono di forme e dimensioni diverse ma l’importante è che sia studiato per soddisfare le specifiche esigenze del bambino, in base alla sua fascia d’età.

Proprio come il nuovo ciuccio ultra air di Philips Avent, che promette di più, perché progettato per far respirare al meglio la pelle delicata dei neonati.

Già in passato vi ho parlato dei ciucci Philips Avent:

QUI scrivo di come mia figlia li preferisca agli altri, e QUI presento la versione ultra soft.

Grazie alla collaborazione con Philips Avent ho avuto l’opportunità di regalare i nuovi ultra air ad una mia cara amica e vi riporto, qui di seguito, le sue considerazioni.

Faccio una premessa.

Giada ha una figlia di 16 mesi che ha allattato per quasi un anno.

La piccola usa giornalmente il ciuccio e lo richiede soprattutto quando è stanca e vuole addormentarsi o vuole una coccola e rilassarsi: quindi ha già un modello preferito di succhietto che riconosce perfettamente.

Nonostante l’iniziale titubanza, la bimba ha provato con curiosità il nuovo ciuccio ultra air e dopo averlo messo in bocca è letteralmente fuggita lontano dalla mamma, facendo versetti compiaciuti.

Ero presente ed è stato parecchio divertente: avete presente il Gollum con il suo “tessssoro”? Ecco la scena è stata molto simile, a parte per la protagonista che assomiglia molto più ad una perfetta e delicata bambola di porcellana coi boccoli che a Sméagol. E per fortuna. 😀

Aldilà di questo primo approccio giocoso, dopo un paio di settimane di utilizzo, Giada ha notato 3 punti di forza in particolare:

1) Con il precedente ciuccio era abituata ad asciugare sempre tutto il contorno bocca della figlia, per evitare che la saliva la irritasse, mentre con Philips Avent ultra air questo non è mai stato necessario;

2) La tettarella in silicone è molto morbida e la “struttura” del ciuccio, colorata, facile da impugnare e particolarmente leggera, hanno conquistato presto la sua bimba;

3) Cadendo sempre e costantemente a terra, poter sterilizzare al microonde il ciuccio e direttamente all’interno della sua custodia (la scatola trasparente in cui viene venduto in coppia con un altro succhietto) lo ha trovato di una comodità unica. Soprattutto veloce perché parliamo di soli 3 minuti, il che è decisamente un plus.

La mia amica è molto attenta ed ha colto nel segno: i punti di forza di questo succhietto sono proprio gli ampi fori dello scudo e il suo design arrotondato e leggero che favoriscono il passaggio dell’aria. In questo modo la pelle del bambino rimane asciutta anche durante l’utilizzo.

Citando Giada: “Solo questo vale l’acquisto”.

La tettarella, oltre che vellutata come seta, è ortodontica ed ha una forma piatta e simmetrica che rispetta il corretto sviluppo del cavo orale del bambino durante la sua crescita (parliamo di palato, denti e gengive).

Prodotto nel Regno Unito, anche questo ciuccio Philips Avent è senza BPA ed è venduto in una comoda custodia che ne permette non solo la sterilizzazione nel microonde, come già sottolineato da Giada, ma anche un trasporto attento all’igiene. Molto comodo soprattutto quando si è fuori casa.

Ultra air è disponibile nelle versioni 0-6 mesi e 6-18 mesi, un po’ come tutti gli altri succhietti Philips Avent (la mia bimba ne ha usati talmente tanti che ormai mi sento un’esperta).

Ecco i link di Amazon dove potete acquistarli:

Aggiungo anche che il succhietto ultra air ha appena ottenuto il bollino “consigliato dalle Mamme di FattoreMamma”: l’importante riconoscimento assegnato solo a quei prodotti o servizi che hanno conquistato l’ampia approvazione di 120 mamme tester (tra cui anche la mia amica Giada).

In questo caso ben il 97% dei tester consiglierebbe il prodotto ad un’altra mamma.

La percentuale parla da sola.

#aventultraair è proprio #comeunsoffio!

 

Post in collaborazione con Philips Avent

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *