Barbie gioca con la moda: gli abiti più belli di sempre
31 ottobre 2018
Philips Avent My Grippy: la tazza per imparare a bere senza bagnarsi!
15 novembre 2018

Ho partecipato alla presentazione di un seggiolino auto per bambini di ultima generazione: il primo in Europa con sensori integrati.

Si tratta del seggiolino Chicco BebèCare in collaborazione con Samsung.

BebèCare è il primo sistema studiato e sviluppato con sensori integrati per segnalare la presenza del bambino sul seggiolino e avvisare il genitore nel momento in cui dovesse accidentalmente allontanarsi dall’auto senza di lui.

Un alleato per garantire la massima sicurezza ai nostri figli ed aiutare noi genitori a scongiurare l’irreparabile.

Dal prototipo del 2017, BebèCare è stato messo in commercio a maggio di quest’anno.

Ho già avuto modo di mostrarvelo pubblicandone le foto sulle mie pagine social, Facebook e Instagram.

Dal momento che ha suscitato un grandissimo interesse, come promesso, raccolgo in questo blog post tutte le informazioni sul suo funzionamento.

Faccio una premessa necessaria.

Come sapete, come prescritto dall’art. 172 del Codice della Strada italiano, l’utilizzo del seggiolino auto è obbligatorio fino ai 150 cm di altezza.

È importante sapere, però, che sono attualmente in vigore due normative relative ai seggiolini auto.

Qui sotto trovate tutte le informazioni relative per districarsi nella scelta del seggiolino corretto.

La ECE R44/04 che classifica i seggiolini in base al PESO del bambino.

E la normativa ECE R129 (più conosciuta come iSize) che li classifica in base all’ALTEZZA del bambino, con l’obiettivo di renderli ancora più sicuri, semplificando così il loro utilizzo ed acquisto.

Nell’infografica, qui sotto, trovate tutti i dettagli.

Sono due i primi seggiolini auto Chicco con i sensori BebèCare integrati:

  • Oasys 0+ UP: omologato secondo la normativa ECE R44/04 per il trasporto in auto di bambini dalla nascita fino a 13 kg.
  • Oasys i-Size: omologato secondo la normativa i-Size (ECE R129) per il trasporto in auto di bambini con un’altezza compresa tra 40 e 78 cm (max 13 kg).

Entrambi sono venduti separatamente o all’interno del Trio Style Go Up e li potete trovare sull’e-shop Chicco e in tutti i loro negozi.

Vi anticipo che a dicembre 2018, il sistema BebèCare sarà presente anche sul modello AroundU i-Size (fino a 105cm).

Ho avuto l’opportunità di vedere di persona come funziona e vi confermo che sia l’installazione che il suo funzionamento sono davvero semplici:

  • serve un seggiolino Chicco con sensori BebèCare,
  • l’APP BebèCare
  • e uno smartphone (Samsung) con la connessione Bluetooth®.

Niente paura: dal prossimo mese, a dicembre 2018, la APP gratuita sarà disponibile per tutti gli smartphone.

Fatte le doverose premesse, vi parlo dell’installazione.

Bisogna scaricare l’APP e creare un “Account famiglia” (allo stesso “Account famiglia” possono essere connessi simultaneamente fino a 3 seggiolini).

Poi occorre inserire i numeri di telefono da contattare in caso di emergenza (minimo 1, massimo 5): parliamo esclusivamente di numeri di telefonia mobile presenti nella rubrica del proprio smartphone.

A questo punto è necessario connettere il seggiolino: per farlo basta rimuovere, grattando con una moneta, il film argentato dalla sua etichetta di omologazione e scannerizzare il QR code con lo smartphone.

Aggiungete nome e data di nascita del bimbo e, se volete, anche una sua foto.

Ora è tutto pronto: il sistema BebèCare è attivo.

Potete far sedere il piccolo nel seggiolino, allacciare le cinture e partire.

Il consiglio in più che do è quello di verificare, periodicamente, il corretto funzionamento del dispositivo: basta fare delle prove di pressione della seduta, magari anche semplicemente con la mano.

Nulla di impegnativo ma un gesto importante, da inserire nella lista dei controlli di routine della propria vettura.

E adesso? Come funziona?

Il sistema BebèCare si attiva dopo alcuni secondi dal momento in cui il bambino viene posizionato all’interno del seggiolino e segnala la sua presenza grazie all’APP.

Se ci si allontana dall’auto senza aver fatto scendere il bimbo, il sistema di sicurezza si attiva, inviando un allarme acustico e visivo sullo smartphone.

Era ora, non pensate?

Fortunatamente non mi è mai capitato nulla del genere ma è ancora fresco il ricordo dei miei primi anni da mamma. Bellissimi, sia chiaro, ma non solo.

Delle notti insonni (che mica sono finite, eh!). Dei primi mesi dopo il parto in cui sentivo le mie giornate scivolare un po’ come fossi un criceto dentro una ruota: una routine ripetitiva, latte, pannolino, nanna. Latte, pannolino, nanna. Giorno e notte. Notte e giorno.

In cui segnavo in un block notes quando e cosa facevo perché, semplicemente, non me lo ricordavo. E non lo ricordavo perché non dormivo più di due/tre ore di seguito.

È solo una fase, poi passa e forse un po’ ci si abitua, ma sono dell’idea che dobbiamo usare tutti gli strumenti che abbiamo a disposizione per evitare l’irrimediabile.

Una tecnologia come quella di BebèCare è al servizio della sicurezza di ciò che abbiamo di più prezioso al mondo: nostro figlio.

I seggiolini auto con i sensori BebèCare hanno lo stesso prezzo degli stessi modelli senza i sensori. È una scelta, una delle tante che noi genitori facciamo per i nostri figli.

In questo caso è una decisione che può fare un’enorme differenza.

 

#chicco #bebecare #ad #bimbiabordo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore . Cookie policy