Quando giocavo con le Barbie (9 marzo 2017: 58 anni e non sentirli)
10 Marzo 2017
Torna l’ora legale…invariata l’ora della mamma
20 Marzo 2017

Voglio riportarvi un articolo che ho letto sull’ultimo numero di Donna Moderna (8 marzo 2017), che tratta il tema dei bambini e dei cellulari.

Secondo i dati raccolti dal Centro per la salute del bambino di Trieste, già a partire dal secondo anno di vita (l’età della mia paciughina), i bambini di oggi preferiscono smartphone e tablet alla tv. E man mano che i figli crescono, quella di usare il cellulare dei grandi diventa sempre più un’abitudine.

Nel mio caso in particolare è vero ancora il contrario: i Paw Patrol e i Super Wings hanno decisamente la meglio sul mio cellulare. Forse anche perché, io e il suo babbo le abbiamo sempre fatto capire che è un oggetto prezioso e delicato, che usiamo per lavoro.

Se vostro figlio lo utilizza abitualmente, comunque, non abbiate troppi timori perché, come osserva Paolo Ferri, docente di Tecnologie didattiche alla Bicocca di Milano: “Fin dall’infanzia il telefonino può sviluppare capacità cognitive come il problem solving e la coordinazione”.

L’importante è mettere dei paletti:

  • Stabilisci regole chiare

“Mezz’ora al giorno ai primi anni, non più di 2 o 3 ore di fronte a uno schermo, che sia quello del cellulare o della tv, agli 8 anni e mai dopo le 20:30 per non disturbare il sonno” suggerisce Alessandra Farabegoli, digital strategist.

  • Non lasciarli soli

Per non aver paura della Rete bisogna capire come la usano i nostri figli: “La loro vita reale è integrata con quella digitale e hanno un approccio alla tecnologia diverso dal nostro” continua Ferri. “Per questo è importante stimolare un uso educativo e creativo del web. Con lo smartphone di mamma e papà si può organizzare una vacanza insieme, imparare l’inglese sfruttando il karaoke e fare una visita virtuale a un museo”.

  • Evita i preconcetti

“Le app di parental control sono utili ma il filtro più efficace va installato nelle orecchie dei ragazzi, spiegando loro rischi e potenzialità di internet” conclude Farabegoli. “Senza preconcetti. I videogiochi non vanno demonizzati: sono una palestra per capire come si costruisce una storia e come si superano gli ostacoli. I programmi di fotografia sviluppano la creatività. E ci sono app per imparare a leggere, scrivere e contare”.

Le trovo delle ottime indicazioni anche se tutto, alla fine, sta al buon senso di noi genitori: ad esempio capita spesso alla mia piccola di voler vedere un cartone prima di dormire. Vuole proprio esser messa sul seggiolone, meglio se con uno yogurt, e gustarsi una puntata dei suoi beniamini animati prima di crollare.

Sono certa che ogni famiglia trova il proprio equilibrio con il passare del tempo. La cosa difficile, come sempre, è quella di dare l’esempio e adottare buone pratiche con costanza.

Questo è il nostro obbligo nei confronti del bambino: dargli un raggio di luce, e seguire il nostro cammino

Maria Montessori

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore . Cookie policy