Duchenne: fai tu il primo passo!
Duchenne: fai tu il primo passo!
19 Aprile 2019
3 idee regalo originali per la Festa della Mamma
7 Maggio 2019

Da neomamma, dopo mesi trascorsi ad affinare la routine nanna/poppata, pensavo essenzialmente due cose: che il non poter dormire almeno 5 ore continuative per notte fosse una forma di tortura legalizzata (e questo lo credo tuttora) e di sapere cosa fosse il meglio per mia figlia. Sempre.

E qui mi son dovuta ricredere.

Vi riporto l’esempio, nel mio caso, più lampante: l’alimentazione nella delicata fase dello svezzamento.

Ancora prima di parlarne con la pediatra, fra me e me pensavo che tutto sarebbe andato benissimo, secondo i piani. I miei piani.

E questo perché mi sarei occupata personalmente dell’acquisto delle migliori materie prime fresche e della loro preparazione. Giornalmente. Sarebbe stato necessario anche investire qualcosa per comprare gli elettrodomestici necessari a rendere purea finissima carne, pesce, frutta e verdura.

Un semplice frullatore, infatti, non è sufficiente: il cibo, una volta tritato, incorpora troppe bolle d’aria e può infastidire la digestione dei bambini così piccoli. Mica potevo rischiare le colichette!

Insomma, mia figlia sarebbe stata davvero fortunata e non avrebbe potuto che apprezzare il mio impegno, mangiando con gusto.

Questo nei miei sogni.

Poi Anna ha compiuto 6 mesi ed è arrivato davvero il momento di introdurre gradualmente nuovi alimenti nella sua dieta.

Mi sono messa d’impegno, giorno dopo giorno. Avevo praticamente sempre il fornello acceso. Io e la vaporiera eravamo sorelle.

In quel periodo, però, è uscita allo scoperto anche una matrigna: la frustrazione.

Quella di non capire perché tutto quello che cucinavo con tanta attenzione, seguendo alla lettera i consigli della pediatra, veniva rifiutato con forza dalla mia piccola ed andava a finire dritto dritto nel bidone della spazzatura.

Quando succede per giorni e giorni sfido qualunque neomamma a rimanere lucida.

Confidando alla pediatra l’ennesima sconfitta a tavola, sono stata incoraggiata a non perdermi d’animo, ad insistere, ma anche a vivere più serenamente quel periodo di passaggio.

L’ansia non avrebbe fatto mangiare di più mia figlia.

E, in quel momento, avevo proprio bisogno di sentirmelo dire.

Così, seguendo il suo consiglio, ho provato con gli omogeneizzati.

Alcuni omogeneizzati della linea 100% Naturale di Mellin

Ed ho scoperto che non è mica vero che la carne, il pesce e la frutta fresca sono sempre e comunque migliori. Anzi.

Voi lo sapevate che l’alimentazione dei bambini fino ai 3 anni è tutelata da una specifica regolamentazione che impone che gli omogeneizzati contengano livelli di micotossine e nitrati ben inferiori ai limiti fissati per gli adulti?

Che, per legge, devono essere sempre senza coloranti e conservanti?

Io l’ho appreso quando ho deciso di informarmi e saperne di più chiedendo al mio pediatra.

E poi ho scelto Mellin.

I motivi sono tanti. Prima di tutto perché sono prodotti con materie prime selezionate e controllate, 100% naturali.

Gli omogeneizzati di carne Mellin 100% Naturale sono senza sale né aromi aggiunti. Gli ingredienti sono cotti in modo semplice, al vapore, senza proteine del latte e senza glutine. La carne utilizzata è di qualità, ad alto valore biologico, ed è sottoposta ad oltre 40mila controlli all’anno. Senza antibiotici ed ormoni.

Quella che compro per me dal macellaio non credo sia altrettanto controllata.

E poi la gamma a disposizione è grandissima: dal prosciutto al cavallo, dal vitello al tacchino. E molto altro.

Gli omogeneizzati di frutta Mellin100% naturale, invece, hanno solo gli zuccheri della frutta e sono ricchi di vitamina C. E la varietà di gusti è ampissima: dalle classiche Mela, Pera e Banana fino a Mela & Mirtillo, Mela & Agrumi, Banana & Kiwi e molti altri. Ottimi in ogni momento della giornata, non solo a fine pasto.

Alcuni omogeneizzati della linea 100% Naturale di Mellin

Gli omogeneizzati non sono tutti uguali.

Mellin ne è la prova ed ha saputo aiutarmi.

#Mellin #sponsorizzatodamellin #mymellinblog #generazionipiusane

———————————————————————————————————-

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Il sito utilizza cookie tecnici propri e cookie di terze parti. I cookie sono normalmente utilizzati per consentire al sito di funzionare correttamente ( cookie tecnici ), per generare rapporti sull'utilizzo della navigazione ( cookie statistici ) e per pubblicizzare adeguatamente i nostri servizi / prodotti ( cookie di profilazione ). Possiamo utilizzare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione . Abilitando questi cookie, ci aiuti a offrirti un'esperienza migliore . Cookie policy