5 cose che puoi fare quando spunta il tuo primo capello bianco

I capricci dei bambini spiegati a chi non ha figli
10 gennaio 2018
Lettera di un (anziano) padre al figlio
22 aprile 2018

Chi mi segue su Facebook sa già che stamattina ho trovato uno scintillante capello bianco nella mia chioma. Dato che l’ho strappato conto per novembre, mese del mio 35°compleanno, di poter sfoggiare un nuovo look alla “Paola Marella”.

Nell’attesa della moltiplicazione dei bulbi albini, ho pensato di scrivere un breve vademecum per chi si trova nella mia stessa situazione e ancora non riesce ad accettare l’evidenza dei fatti: l’invecchiamento.

Fenomeno accelerato, prevalentemente nelle donne, dalla presenza di uno o più pargoli in casa. Soprattutto se tuoi.

Infatti gli scienziati di tutto il mondo correlano la presenza di denti da latte, in almeno uno dei componenti del nucleo familiare, come la principale causa di insonnia, perdita della memoria a breve termine (quante volte andiamo in una stanza e non ci ricordiamo più il perché?!?) e, per l’appunto, capelli color del latte. E il cerchio si chiude.

Chi non vuole accettare queste prime avvisaglie può intervenire in 5 modi diversi:

  1. Prendere appuntamento dal parrucchiere e tingersi completamente i capelli di bianco asserendo con convinzione che Enzo Miccio ha detto che è il nuovo trend della primavera/estate 2018. Ancora meglio se riuscite a convincere, a fare lo stesso, anche una under 20 in attesa per gli chatouche.
  2. Strappare i primi capelli bianchi, tagliarli in tanti piccoli pezzettini con l’aiuto delle forbicine da manicure e, dopo che il proprio uomo ha fatto la barba, distribuirli sul lavandino insieme ai suoi peli neri. Poi chiamarlo e fargli notare che sta diventando sale e pepe come George Clooney e molto affascinante. Questa “spontanea” e inaspettata carineria dovrebbe farlo esitare dal farvi notare, se mai se ne accorgerà da solo, che il tempo passa anche per voi.
  3. Cambiare punto di vista e scoprirli una risorsa. Annoda i capelli bianchi gli uni agli altri e confeziona delle bobine, come quelle del cotone, che potrai utilizzare come spago ecologico, biodegradabile e a km0 per legare le piante rampicanti di casa. Se i tuoi bimbi hanno delle chitarre giocattolo o degli archi per lanciare le freccette, puoi utilizzarli anche in sostituzione delle corde rotte. Insomma, la soluzione ad ogni problema…a costo zero!
  4. Scaricare il problema sugli altri. Conserva i capelli bianchi e lanciali sul maglione o la giacca delle mamme che ti hanno votato come rappresentante di classe, o che ti rubano sempre il parcheggio migliore davanti alla scuola di tuo figlio. Soprattutto se sei in ritardo, piove ed hai già messo la freccia per svoltare. Simpatia.
  5. Coltivare la passione per l’arte contemporanea. Prendi tutte le riviste con Belen in copertina, stendi un po’ di colla in corrispondenza dei suoi capelli e comincia ad attaccare quelli bianchi che ti sei strappata. Fai attenzione a regolarli della stessa misura, per un effetto più reale. Quando ti renderai conto che non intaccano in alcun modo la sua bellezza, comincia a pensare lo stesso di te.

Lo avete capito che avevo bisogno di sdrammatizzare, vero?

Farsi una tinta comunque resta sempre la soluzione più semplice (ma non mi sarei divertita a scrivere questo post!)

E voi avete già provato l’emozione del primo capello bianco? Lo so che non sono la sola…sfogatevi nei commenti! 🙂

2 Comments

  1. Barbara ha detto:

    Te sei un mito!! Mi hai fatto morir dal ridere!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *