Paracolpi d’emergenza
10 aprile 2016
Disegniamo la faccia! – Giochiamo con i volantini del supermercato
15 settembre 2016

SONAGLIO

Ogni volta in cui arrivo alla cassa del supermercato, la mia piccola si allunga tutta verso le scatole delle gomme da masticare o degli m&m’s per poterle scuotere e “farle suonare”. Difficile, nell’attesa del conto, evitare di farglielo fare e poi di acquistare qualcosa.

Ho provato a riciclare la scatola grande dei chewingum e, con pochissimo tempo e materiale, a creare un piccolo gioco rumoroso: magari, se me lo porto dietro la prossima volta che vado al super e lo estraggo a sorpresa dal borsone di Mary Poppins che mi porto appresso dalla sua nascita, è la volta buona che non compro più cicche da masticare.

L’occorrente:ARTICOLO1

  • scatolina di plastica con tappo richiudibile (io ho usato quella delle Daygum 75 confetti, per intenderci);
  • nastro adesivo di carta (i washi tape sono perfetti);
  • forbici;
  • 3 o 4 minuti del vostro tempo.

Mi sento molto Muciaccia…e lasciatemelo dire: “fatto?”. Bene.

Togliete le etichette dalla scatolina, quelle che riuscite, senza incaponirvi se non vengono bene via tutte. Aprite il barattolo ed inserite un oggettino che non vi serve più e che non possa essere ingerito nel malaugurato caso la confezione venga riaperta dal bimbo.articolo2 Come si vede dalla foto, ho usato un copriciuccio di plastica: è quello che si trova a protezione del succhietto e, non so voi, ma io non l’ho mai mai mai utilizzato.

Testate se fa un bel rumore.

Quando siete soddisfatti, prendete il vostro bel rotolino di carta adesiva e girate attorno alla scatolina come se non ci fosse un domani. Con criterio però. Partite dal basso e, dopo ogni giro di nastro, tagliate l’adesivo con le forbici anziché con i denti. Il lavoro verrà più pulito e il nastro di carta non si rovinerà. La parte più “difficile” da ricoprire è quella del tappo ma sono certa che le vostre manine confezioneranno tutto a dovere.ARTICOLO3

Il barattolo-sonaglio è pronto.

Più difficile a dirsi che a farsi.

Ed ora…musica maestro!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *