Quante ore dorme tuo figlio?
17 settembre 2016
L’angolo della posta
25 settembre 2016

1a-sett

Adoro da sempre settembre. Non sono mai stata una tipa da agosto: sole troppo caldo, afa che non fa respirare, mare troppo affollato, sabbia che mi si appiccica addosso come una panatura, zanzare vampire, poche scuse per mangiare tavolette di cioccolata e prova costume. Devo aggiungere altro?.

Non che non mi piaccia l’estate, sia chiaro, ma sono nata a novembre, fra pioggia e nebbia, e penso di portare nel DNA un po’ di tutto questo: caldarroste, tiramisù e plaid sono il mio habitat naturale. Settembre è l’anticamera dell’autunno e non posso che apprezzarlo. E’ anche, a tutti gli effetti, un nuovo inizio anno: torniamo alle incombenze quotidiane con un rinnovato slancio (almeno così dovrebbe essere) e riaprono le scuole per gli adulti di domani.

Roberto Piumini descrive, con poesia, quel che accade in questo mese fatto di cambiamenti e trasformazioni. Mi diverte sempre leggerlo e, con le sue parole, colgo l’occasione di augurarvi un buon inizio…non solo di settimana, ma di un’intera stagione.

E dopo agosto, con la sua calura,

viene settembre, tiepida frescura.

L’estate non è morta, ma si ammala,

il giorno un po’ si accorcia, il sole cala.

Le foglie sono verdi, ma più stanche,

le belle abbronzature tornano bianche.

Il bosco ronza ancora, ma più quieto,

gli uccelli fanno un canto più segreto.

La scuola ricomincia a metà mese,

con cose note e con delle sorprese.

Lo zaino è più pesante, tira in basso,

quest’anno ti rallenta un poco il passo.

Gli amici e le amiche sono quelli,

ma sono un po’ più alti, un po’ più snelli.

Invece la maestra è sempre uguale:

se è una maestra nuova, meno male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *