Semiperdo: il braccialetto che ritrova i bambini smarriti

I cinque benefici dei croccantini Perfect Fit™
11 luglio 2017
Come pulire senza usare prodotti chimici – Nheat
20 luglio 2017

Frequentare luoghi affollati come spiagge, feste di paese, parchi divertimento e chi più ne ha più ne metta: accade un po’ a tutte le famiglie, soprattutto d’estate. Ora che ho una bimba piccola che corre veloce, la mia preoccupazione di perderla di vista si fa sempre più sentire.

Per quanto stia attenta, mi rendo conto che basta davvero un battito di ciglia per incorrere in questo rischio.

Tutti i genitori lo sanno bene: abbiamo gli occhi anche dietro la schiena, siamo sempre all’erta, ma basta la disattenzione di una volta per dover fare i conti con il panico da smarrimento. Non mi è mai capitato (e spero che non accada mai) ma per prevenirlo ho voluto provare il braccialetto Semiperdo.

Si tratta di una larga fascia elastica di morbido tessuto impermeabile che ha, all’interno, un circuito elettronico passivo. Un’innovazione davvero strabiliante.

Quello che mi è piaciuto di più è che totalmente sicuro perché:

– NON richiede alcuna manutenzione;

– NON richiede batterie, scheda SIM o ricarica telefonica;

– NON emette onde elettromagnetiche;

– può inviare notifiche istantanee di geolocalizzazione su tutti gli smartphone e i computer fissi e portatili che decidiamo in fase di registrazione del prodotto;

– dialoga con qualsiasi smartphone, pc, tablet, iPhone e iPad;

– pesa appena 2 grammi;

– è fatto a mano in Italia;

– può essere lavato in lavatrice (anche a 90°!!!);

– funziona in tutto il mondo.

Avete capito che non stiamo parlando del classico braccialettino con su scritto il nome del bimbo e il numero di telefono dei genitori. Con Semiperdo si ha molto di più.

Su ogni braccialetto infatti è stampato un codice personale ed univoco grazie al quale è possibile accedere ad un’area riservata del sito semiperdo.com: qui possiamo registrare fino a ben 3 numeri di telefono da allertare, 3 e-mail a cui scrivere, la foto e il nome del bambino.

Tutte queste informazioni, inserite dal genitore, sono memorizzate su server cloud, assolutamente sicure ed inalterabili. Anche il trasferimento dei dati è protetto, grazie alla crittografia a 2048 bit, tra le più avanzate sul mercato.

Sviluppato dalla start-up milanese Blu Oberon, il bracciale Semiperdo permette di ritrovare più velocemente i bambini persi (ma anche gli animali domestici, tramite collare Semiperdo), dando la possibilità di intervenire rapidamente in caso di bisogno.

Il principio di funzionamento è quello delle carte di credito “contactless”: chi ritrova il bimbo smarrito, semplicemente avvicinando il proprio cellulare con tecnologia NFC attivata o, se non ne dispone, collegandosi all’indirizzo web stampato in bella evidenza sul braccialetto, apre una pagina con i dati di contatto del familiare (quelli registrati da noi, di cui vi parlavo sopra).

Con la semplice pressione di un tasto, chi trova nostro figlio può far partire una chiamata ai numeri di telefono impostati, oppure un sms già precompilato.

Dopo qualche secondo viene anche avviata in automatico una chat, in grado di guidare passo-passo chi ritrova il bimbo o l’animale smarrito e di stabilire subito un contatto con i familiari, i quali nel frattempo possono ricevere una notifica istantanea su tutti i dispositivi registrati, grazie alla geolocalizzazione: tutto affinché sia possibile raggiungere il più velocemente possibile chi si è perso.

La chat è davvero importante perché consente di inviare, nell’immediato, anche informazioni fondamentali sullo stato di salute di chi si è smarrito (ad es. allergie, gruppo sanguigno o eventuali malattie).

Non solo: grazie a una rete di oltre cinquantamila webcam pubbliche in tutto il mondo, diventa persino possibile vedere in tempo reale che cosa sta accadendo nell’area. Lo trovo davvero strabiliante.

Poi, se si viaggia all’estero, basta girare il braccialetto per trovare le scritte in lingua inglese. Semplice ed efficace.

L’ho fatto indossare a mia figlia: è ancora piccola e non ne avverte l’importanza, perché ho notato che prova a sfilarselo. Se anche vostro figlio si comporta così, vi consiglio di usarlo come cavigliera: in estate, con gli abiti corti e leggeri si nota davvero subito ugualmente (se non di più) e così viene scongiurato qualsiasi rischio di lasciarlo in giro.

Lo trovate in vendita nello shop online Semiperdo.

P.S.

Dato che la mia piccola ancora non parla affatto bene e io sono una mamma un po’ ansiosa, ho scritto sopra al bracciale comunque il suo nome e un recapito. La prudenza non è mai troppa in questi casi! 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *