Quello che mi dicevano i nonni

La prima settimana di inserimento
22 settembre 2017
Cosa dire a tuo figlio se non vuole andare a scuola
11 ottobre 2017

2 ottobre. Festa dei nonni.

Un pensiero a tutti quelli che:

“Chiamami se hai bisogno”,

“Ti sei vestito abbastanza?”,

“Hai mangiato?”,

“Sei il più bel nipote del mondo”,

“Tieni, nascondili e poi compraci le caramelle”,

“Vieni qui e fatti dare un bacio!”,

“Oh, che bello che mi sei venuto a trovare!”,

“Te l’ho già raccontata la storia di quella volta che…”,

“Con me la lavatrice/il cellulare/la tv non funziona. Guardaci tu”,

“Briscola?”,

“Siediti, siediti!”,

“Oh, ma come ti sei fatto grande! Sei già un ometto/signorina!”,

“E il morosino/a?”

“Sei dimagrito…stai male?”,

“Guarda quante uova di pasta che ho fatto! C’è anche per te!”,

“Vuoi qualcosa? Come niente!?! Cosa ti posso dare?”,

“Posso dare un biscotto al bambino?”,

“Mangia insieme a me, dai! Così stiamo un altro po’ insieme”,

“Ti ho portato quello che avevo”,

“Se ti rompono le scatole te non ti preoccupare…cosa vogliono da te?!?”,

“Sul lavoro fa come puoi. Più di così non puoi dare”,

“Il tuo problema è che sei troppo bravo”,

“Questa mattina non stavo molto bene. Adesso che ti ho visto mi è passato tutto”,

“Chiamami”,

“Vieni a trovarmi quando puoi”,

“Ma lo sai cosa ha fatto tua cugina???”,

“Ohhh, come sei bello! Ti vedo proprio bene! Sei ingrassato!”,

“Hai sentito il telegiornale???”,

“Lascia perdere gli altri…la gente è invidiosa!”,

“Mangia! Senti come è buono! Eh, ti piace? Sono stata brava?”,

“Ho chiamato perché avevo voglia di sentirti…”,

“Quando ci vediamo?”,

“Ti voglio bene. Mi manchi”.

Queste sono solo alcune delle frasi che mi son sentita dire dai miei nonni, finché ho avuto la fortuna di averli. Ed è bello per me vedere che, anche con Anna, la storia si ripete.

A tutti i nipoti che non si sono mai sentiti dire nulla di quanto ho scritto sopra, beh, un abbraccio forte: se non ve lo hanno dato i vostri nonni non significa che non ve lo meritavate.

Son convinta che ci siano situazioni nella vita, in cui ci troviamo né per merito, né per colpa. E questa è una di quelle.

Invece colgo l’occasione per augurare a tutti i veri nonni, quelli affettuosi, presenti e poco invadenti, una giornata davvero speciale: non preoccupatevi troppo del tempo che passa ma di lasciare dei bei ricordi alle persone che vi vogliono bene. Le attenzioni e le rassicurazioni, il “sentirsi a casa” quando si è al vostro fianco. È tutto qui quello che conta davvero.

Se siete abbastanza fortunati ad avere dei nonni, andate a trovarli, curateli con affetto e festeggiateli finchè siete in tempo.

Regina Brett

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *