Il bambino dai 9 ai 12 mesi (tutte le attività da fare insieme per sviluppare la sua intelligenza e sensibilità)

L’asinello TroTro
9 giugno 2016
Il drago K’s Kids
20 giugno 2016

dai 9 ai 12 mesi

Con questo post termino i consigli dei giochi da realizzare entro l’anno di età, con il proprio bimbo, per svilupparne al meglio intelligenza e sensibilità. In questa occasione mi concentro sul periodo che va dai 9 ai 12 mesi.

Continuo a fare riferimento al testo della psicomotricista e pedagogista Marcella Ortali, “Comprendere il bambino nel suo primo anno di vita”, Edizioni Sì.

  • Avete una cesta in casa?. Tipo quella che vi viene regalata per Natale con panettone e cotechino. Ecco, quella. Bene. Recuperatela e riempitela con i giochi a cui vostro figlio è più affezionato, in modo che si renda conto che d’ora in poi questa sarà il baule dei suoi tesori. Lasciate poi che tiri fuori e metta dentro liberamente i suoi giochi: gli servirà a sviluppare la coordinazione occhio-mano e a prendere coscienza dei concetti spaziali dentro-fuori. Una volta presa dimestichezza con il gioco della cesta potete cambiare, di volta in volta, il suo contenuto: inserite scatoline, cucchiai, foglie secche etc. Verrà stimolato a scoprire e conoscere cose nuove.

  • La stessa cesta è anche una bellissima coupè decappottabile, non ve ne eravate accorti?. Facciamoci sedere il bimbo dentro e portiamolo a spasso pere tutta casa: il suo apparato vestibolare sarà molto stimolato se spingiamo la cesta in direzioni diverse, con intensità di velocità differenti e frenate repentine (facciamogli fare slalom, curve, veloci rettilinei, e così via). Se la cesta è abbastanza grande, potete anche far salire un altro piccolo passeggero: in questo modo inizierà ad abituarsi alla condivisione di giochi e spazi.

    Potete fare lo stesso gioco della macchinina anche con una coperta o un lenzuolo. La cosa bella è che qui, in più, potete chiedere al bimbo di cambiare posizione: sdraiato, supino, in ginocchio, e così via. In questo modo diventerà sempre più consapevole del proprio corpo.

  • Un cappello e uno specchio. Basta così poco per godersi i suoi sorrisi. Mettetevi tutti e due davanti allo specchio, indossate il cappello poi mettetelo al vostro bimbo. Si guarderà divertito mentre, mettendo in atto una nuova coordinazione, cercherà di toglierlo.

  • E’ arrivato il momento di iniziare a leggere qualche libro insieme. In un momento di calma, aprite un libro insieme e andate alla scoperta delle immagini e della storia. E’ importante che le immagini vengano descritte, venga raccontato a cosa servono o dove si trovano.

  • Il vostro bimbo inizia (o a breve lo farà) a seguirvi in autonomia per casa. Pensate alle sue esigenze e alla sua grande voglia di scoprire: dedicate, in ogni stanza, un piccolo spazio per i suoi giochi. In cucina, ad esempio, potete liberare un cassetto basso; in soggiorno usare la cesta di cui parlavamo prima, e così via. Ogni tanto cambiate il loro contenuto affinché possa essere sempre una scoperta tirare fuori cosa c’è dentro.

  • Avete voglia di sfogarvi e divertirvi insieme al vostro cucciolo?. Bene. Allora raccogliete la carta che avete in giro per casa, meglio ancora se di tipo diverso (ad es. carta igienica, carta di giornale, scottex, carta ruvida, etc.). Di fronte al piccolo iniziate ad appallottolarla, strapparla, stropicciarla. Lo conquisterete immediatamente e vedrete che vi vorrà imitare sin da subito. Manualità e sorrisi, meglio di così!.

  • Quando il piccolo inizierà a provare a stare in piedi, stimolatelo a mantenere questa posizione mettendo un suo giocattolo sopra la sedia o un tavolino basso. Incrementerà anche la sua consapevolezza del senso dello spazio e del concetto di distanza.

  • Una volta in piedi, liberiamo i piedini!. Via i calzetti, anche solo per qualche minuto, per stimolare le nuove sensazioni che prova dalla pianta del piede.

  • Un’altra buona idea è quella di farlo iniziare a dipingere con le dita. Se abbiamo paura possa mettersi il colore in bocca, perché non preparare una crema alla vaniglia, al limone o al cioccolato e fargli usare quella?. Oppure colorare un semplice yogurt con del cacao in polvere. Si divertirà un sacco a creare i suoi primi quadri e a sporcarsi per benino. Se volete creare degli stampini, poi, potete sacrificare un carciofo (tagliato a metà si trasformerà nello stampo di un fiore!), una mela, un finocchio ed intingerlo nella crema di prima: più naturale di così non si può.

    Prima di cimentarvi in quest’arte golosa coprite bene il pavimento e i mobili attorno…non c’è bisogno che ve lo dica io, vero?. Poi bagnetto!!!.

Spero di avervi dato qualche buono spunto per passare del tempo insieme ai piccoli di casa, con attività stimolanti, educative e ricreative.

Se ne avete altre da condividere scrivetele nei commenti: saranno preziose per altri genitori e nonni!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *