Disegniamo la faccia! – Giochiamo con i volantini del supermercato

La “favolosa” recensione di Tortugas – Giochi Preziosi
21 luglio 2016
Tutti pazzi per gli elfazzi
11 ottobre 2016

1a-facciavolantiniDivertirsi insieme ai propri figli, riciclando quello che si ha in casa, si può. Non so da voi ma nella mia buchetta delle lettere, quasi ogni giorno, trovo i volantini del supermercato. Mia figlia di 21 mesi ci si fionda sopra manco fossero delle Barbie. Avrà preso dalla madre: io adoro fare la spesa. E non esagero.

Volendo sfogliarli con calma per vedere le offerte della settimana, senza farmeli strappare di mano, ho escogitato un semplicissimo stratagemma.

Basta una matita (la consiglio in casa per evitare spiacevoli scarabocchi indelebili sui mobili), un colore o un pennarello (li uso quando siamo in giardino) e tanta fantasia: si gioca insieme al “disegniamo la faccia!”.

Cercate le foto degli ortaggi, della frutta, di mozzarelle e prosciutto cotto: sono la “tela” ideale per le vostre creazioni. Disegnateci sopra occhi, naso e bocca, divertendovi ad alternare le espressioni: ad esempio sorridente nelle mele, triste e piagnucolante nelle cipolle. Le faccio sempre in lacrime le cipolle. Mi fanno troppo ridere.img_9055

Oppure potete provare a disegnare il musetto di un cagnolino, un gatto o un orsetto. img_9056L’unica regola è che non ci sono regole: potete sbizzarrirvi e andare a ruota libera, non si sbaglia mai. La mia bimba si diverte tanto a scarabocchiare le faccine che ho appena disegnato e, nel mentre, mi fa dei sorrisi talmente belli da farmi dimenticare i 3×2.

Alla fine di tutto poi, se le piace un disegnino in particolare ed abbiamo tempo, glielo ritaglio: così, con l’aggiunta di un po’ di colla o biadesivo, lo può appiccicare nel suo prezioso quadernino delle figurine (è un blocco di fogli, formato A5, in cui attacca gli stickers che si è guadagnata andando sul vasino o i ritagli di giornale che più la entusiasmano, tipo Pippi Calzelunghe e le foto degli animali).img_9061

In fondo basta poco per stare insieme: è proprio vero che “il gioco e la fantasia il tempo si portan via”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *