CodaBruco Fisher-Price

Qualità e risparmio da Ottimax
19 novembre 2016
Il mio dolce star bene – My Dietor
24 novembre 2016

Qualche giorno fa, mentre facevo merenda insieme alla mia piccola con la tv accesa, mi sono imbattuta nella pubblicità di un giocattolo davvero curioso. Un bruco robottino che si muove in base a come viene assemblato dai bambini: si chiama CodaBruco ed è un nuovo giocattolo della Fisher-Price. In vista del Natale, mi sono appuntata il nome su un foglietto ed ho fatto qualche ricerca per saperne di più.fpfdc88spr311CodaBruco è un gioco creato per i bambini in età prescolare (3-6 anni) e lo trovo interessante e innovativo perché va oltre il classico apprendimento dell’alfabeto e dei numeri: aiuta i bambini a sperimentare e a pensare in modo indipendente per trovare la soluzione migliore desiderata.
Spiego come funziona: CodaBruco non è telecomandato, eppure si muove in base alle direttive dei bambini che ci giocano. Come? Semplice (e geniale): è composto da una testa motorizzata e da 9 segmenti modulari facili da collegare, che formano il corpo, ciascuno dei quali implica un movimento o un’azione: avanti, a destra, a sinistra, balla, sosta prima di ripartire.900x900-code-a-pillar-41I bambini, collegando i segmenti in posizioni differenti, creano una sequenza, decidendo così come il giocattolo debba muoversi nella stanza. 900x900-code-a-pillar-211Quando inventano una sequenza, creano un percorso da far seguire al CodaBruco per fargli raggiungere il bersaglio desiderato: in questo modo i bambini imparano a programmare e a risolvere un problema. È tutta una questione di decodifica e sono certa che il divertimento è assicurato anche perché luci, suoni e occhi che lampeggiano completano il quadro. 900x900-code-a-pillar-311Quello che mi piace di questo gioco è che stimola la riflessione, la curiosità ed incoraggia la sperimentazione e la risoluzione dei problemi in modo diverso rispetto agli altri giocattoli. Una bella novità dedicata ai bimbi in età prescolare (dai 3 ai 6 anni), non c’è che dire.
E pensare che anche io, da piccola, avevo un bruco giocattolo lungo lungo: era di peluche e lo aveva vinto mio padre alle giostre del luna park. Non faceva assolutamente nulla di tutto quello che fa il CodaBruco, e per questo, lo avevo steso nel lunotto posteriore dell’auto. Tutto le volte che salivo in auto, però, mi strappava un bel sorriso. Mi sembra arrivato il momento di pensare seriamente di continuare la tradizione dei bruchi in famiglia.
Voi che ne dite?.fpdkt39_fe_1_uu11

Buzzoole

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *