CHI SONO

Ciao!

Mi chiamo Gloria, classe ’83, moglie di Claudio e mamma, da novembre 2014, di una birba supercuriosa di nome Anna. Amo da sempre scrivere e ho deciso di aprire questo blog per raccontare i pensieri che mi affollano la testa nella vita quotidiana oltre all’ambizione di riuscire a farne un lavoro che mi consenta di conciliare vita familiare e realizzazione personale.

Non vedo perché la Ferragni sì e io no, francamente. 🙂

Sono nata e cresciuta nella splendida e genuina campagna romagnola, in collina, all’ombra dei vigneti di sangiovese e mangiando piadina fatta in casa. Ora che sono sposata (dal 2010) mi sono trasferita ai piedi della collina e, in confronto, mi sembra di essere andata ad abitare a Dubai: dove abitavo prima c’era solo un alimentari, un ristorante e un circolino per giocare a carte. Ora vivo in un paese con addirittura le Terme, le Poste, il forno, la farmacia, l’estetista…insomma ho svoltato! 😀

A mezz’oretta dalla famosissima riviera romagnola, ovviamente amo la montagna e fare lunghe passeggiate con lo zaino sulle spalle…di mio marito. Impietosita dal mio eterno pallore, solo la mia 2enne sta riuscendo a portarmi in spiaggia d’estate senza farmi annoiare ed ustionare (crema baby 50+++ forever). Alla prova costume però continuo a preferire la prova strudel, sia chiaro.

Riassumendo brevemente il mio percorso direi che:

  • sono stata felicissima di aver terminato le scuole elementari per non veder più la maestra di matematica;
  • ho iniziato a chiudere cappelletti ben prima di scoprire cos’è “il ciclo”;
  • ho frequentato diversi corsi di nuoto per esser certa di non saper nuotare;
  • sono stata felicissima di aver terminato il liceo per non vedere più la prof. di diritto;
  • mi sono laureata in sociologia, triennale e specialistica, sempre con Lode e senza sbaciucchiamenti accademici;
  • ho tirocinato e stagiato fino a quando non ho lavorato nell’ufficio Risorse Umane di un grande gruppo alimentare italiano e poi una multinazionale;
  • sono rimasta incinta ed ho deciso, di comune accordo con mio marito, di fare la mamma a tempo pieno (almeno nei suoi primi anni);
  • quando la pargola ha iniziato a dormire un po’ di più la notte ho pensato bene di continuare a star sveglia (si chiama “masochismo”) per aprire il mio blog, con tutti i social annessi (si chiama “aspirazione”).

Sono una persona fortunata perché ho molto di più di quello che mi sono mai sognata da piccola. Tutto il mio mondo può essere stretto in un abbraccio e ricambiare i miei baci.

Sarò felice se vorrai seguirmi e conoscermi meglio, post dopo post.

E allora non mi resta altro che dirti: Buongiorno Mamma e benvenuta/o, di cuore, nel mio blog.